AdMedia

Pimonte. Contro il sindaco 46mila firme: "Lo stupro non è una bambinata"

29 Novembre 2017 Author :  

PIMONTE. È diventato ormai un vero e proprio tormento per il sindaco di Pimonte, Michele Palummo, quel commento che infelicemente si fece sfuggire a proposito dello stupro subito da una ragazza del comune da lui amministrato. Lei, 15 anni, aveva subito una violenza di gruppo, da un branco di 12 ragazzi coetanei, tra cui il suo ex fidanzatino. La legge li aveva individuati tutti. Poi, dopo circa 8 mesi di reclusione in ambienti adatti ai minori, li aveva liberati. Quando al sindaco venne chiesto di commentare l’accaduto, lui si fece sfuggire una parola davvero inadatta alla situazione: “È stata una bambinata”. Su di lui, quelle parole sono impresse come un marchio. E adesso 43mila persone hanno firmato per chiederne le dimissioni. La petizione, avviata dall’associazione “Maison Antigone”, è stata depositata nelle mani del presidente della Camera Laura Boldrini. È stato inutile, anche in occasione della tre giorni di eventi indetta dal sindaco per celebrare la giornata antiviolenza alle donne. Sono state inutili le sue parole di scusa. Ribadite ancora una volta in questa occasione appena conclusa. In occasione della giornata dedicata alla lotta alla violenza sulle donne, la ferita sembra essersi riaperta. Solo la vittima può arginare quest’onda di vergogna che ormai ha coperto l’intero paese a causa della inappropriatezza del sindaco di Pimonte, Michele Palummo. L’associazione “Maison Antigone” ribadisce che non c ’è scusante a quanto avvenne alla scarcerazione del branco e, in occasione dell’evento #lnquantodonna alla Camera dei Deputati, ha consegnato alla Presidente della Camera Laura Boldrini 46mila mila firme raccolte per chiedere le dimissioni del Sindaco di Pimonte e si è impegnata a sostenere questa battaglia. «Lo stupro non è una bambinata» ribadiscono le rappresentanti dell’associazione. «Ci ha lasciato sgomente un anno fa conoscere la storia della ragazzina di 15 anni di Pimonte stuprata ripetutamente da 12 suoi coetanei, minacciata, dileggiata e ricattata dai video registrati durante gli stupri. E ci ha lasciato nuovamente sgomente l’aver appreso che un anno dopo il verificarsi di questi crimini orrendi, il sindaco durante un intervista sostenesse che lo stupro commesso fosse stata solo una bambinata - Dichiara Michela Nacca presidente dell’associazione - Vogliamo dare voce alle 46m ila firme raccolte e consegnate alla Presidente Boldrini per chiedere ancora una volta le dimissioni del Sindaco di Pimonte, 46mila persone sono con noi in questa battaglia e credono che una dichiarazione simile non possa essere sostenibile».

Punto Stabia News

Punto Stabia News è un giornale online che si occupa del territorio tra Castellammare, i Lattari e la Penisola Sorrentina. 

CONTATTACI: 

redazione@puntostabianews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178

 

 

Publica Blu Trasp2