AdMedia

Il tour a Castellammare Grillo: "Tante eccellenze ma criticità nei reparti"

12 Luglio 2018 Author :  
«Carenza di personale e problemi nel reclutare gli specialisti. Le difficoltà enormi dell'ospedale San Leonardo generano una situazione pesante per operatori e pazienti». La ministra della Salute Giulia Grillo visita l'ospedale di Castellammare di Stabia per verificare di persona i punti di forza e le criticità della struttura. Un lungo tour tra i reparti per comprendere le condizioni in cui versa un ospedale che serve un'utenza di circa 50 mila persone. «Ho invitato la dottoressa Antonietta Costantini, direttrice generale dell'Asl Na3 Sud, a venire al ministero per un incontro tecnico-amministrativo - ha affermato Giulia Grillo al termine del sopralluogo, durato circa due ore - L'impianto ministeriale è a disposizione degli ospedali campani, con i quali ci sarà piena collaborazione». Ma a preoccupare la ministra è soprattutto l'emergenza cronica correlata al blocco del personale: «In occasione dell'ultima conferenza Stato-Regioni mi è stato riferito che la riforma delle scuole di specializzazione è stata bloccata dal mondo accademico. Inviterei pertanto i docenti universitari a venire qui e a comprendere cosa vuoi dire lavorare m un ospedale in cui mancano i medici, gli anestesisti e i radiologi». La ministra Grillo ha avuto modo di confrontarsi anche con le organizzazioni sindacali, che le hanno chiesto di tornare senza farsi annunciare. «Saremmo ben lieti se nel San Leonardo fosse sempre presente, come stavolta, il cordone di sicurezza - ha spiegato Antonio Cascone, sindacalista Fsi-Usae - Le carenze dell'ospedale sono espressione di una mancanza di programmazione, mentre il governatore Vincenzo De Luca continua a fare sceneggiate e ad inaugurare reparti fantasma». E proprio nei confronti di De Luca la ministra non ha risparmiato una stoccata. «Ho avuto modo di guardare i tavoli di monitoraggio. - ha affermato Giulia Grillo - I risultati raggiunti non sono sufficienti». Costantini, intanto, non ha nascosto le criticità che attanagliano il San Leonardo, ritenendo però che la carenza del personale non dipenda esclusivamente da un organico numericamente ridotto. «L'ospedale non avrebbe bisogno di altro personale se 4 dipendenti su 10 non fossero esentati dai turni. - ha commentato - Ho chiesto alla ministra, intanto, di accelerare l'accordo di programma per sbloccare 2 milioni e mezzo per la realizzazione delle sale operatorie e ho intenzione di assumere 20 infermieri per tre mesi nei nostri ospedali tramite agenzia interinale. Per l'emodinamica, inoltre, il progetto esecutivo è stato già approvato ed entro un mese andrà in appalto, in modo tale che dall'inizio del 2019 possano iniziare i lavori. Sarà attivato, infine, un concorso unico regionale per assumere gli operatori socio-sanitari, dato che le graduatorie sono quasi del tutto esaurite». Resta in attesa dell'esito dell'incontro al ministero anche Savio Marziani, direttore sanitario del San Leonardo. «Disponiamo soltanto di una sala operatoria e in questo modo possiamo trattare soltanto le emergenze. ha sottolineato Marziani - Mancano medici, infermieri e Oss e accade talvolta che ci siano di turno soltanto un medico e un infermiere». L'ultima frecciata reca il marchio di Gaetano Cimmino, neo eletto sindaco di Castellammare di Stabia. «Il San Leonardo è stato mortificato dalle intromissioni della politica nell'Asl. ha spiegato Cimmino - Mi impegnerò per convocare un tavolo con i sindaci della penisola sorrentina allo scopo di proporre all'Asl una strategia comune per la creazione di poli specializzati».

Punto Stabia News

Punto Stabia News è un giornale online che si occupa del territorio tra Castellammare, i Lattari e la Penisola Sorrentina. 

CONTATTACI: 

redazione@puntostabianews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178