De Luca a Castellammare: "Premio Viviani e stazione di Castellammare Terme: ecco il piano per questa città"

11 Gennaio 2017 Author :  

De Luca: «Per l'occasione riapriremo la stazione Castellammare Terme. Qui grandi opportunità turistiche e lavorative. Questa città è un simbolo della Regione»: il governatore è approdato nella Città delle Acque per presentare il progetto "Cantieri Viviani - Premio Viviani", che avrà luogo tra il 24 e il 28 maggio alle Antiche Terme. Si tratta di un progetto di laboratori e spettacoli promosso dalla Fondazione Campania dei Festival, in collaborazione con il Comune stabiese, e finanziato con risorse dei Fondi PAC. Questo è il motivo dell'approdo a Castellammare del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, che ha affiancato il coordinatore Giulio Baffi nella presentazione degli eventi che tra il 24 e il 28 maggio andranno in scena alle Antiche Terme. Accanto a De Luca, il sindaco diCastellammare di Stabia Antonio Pannullo e il presidente della Fondazione Campania dei Festival Luigi Grispello. In occasione dell'incontro svoltasi al teatro Karol presso la chiesa di Sant'Antonio da Padova, il governatore si è soffermato anche su altre tematiche di stretta attualità per le sorti della Città del le Acque. «Questa iniziativa è un piccolo mattone di un lavoro che abbiamo il dovere di portare a compimento per non smarrire il filo della civiltà e non perderci nella nostra solitudine - ha spiegato De Luca rievocando anche il compianto sociologo Bauman, scomparso ieri -. Siamo intenzionati a creare tante piccole oasi di civiltà: oggi portiamo in scena Raffaele Viviani, un domani faremo lo stesso con Eduardo De Filippo e Massimo Troisi in altre realtà territoriali. Questi progetti sono punti di resistenza umana che si pongono in contrasto con i processi di disumanizzazione che stanno avendo luogo nella nostra epoca. Castellammare di Stabia è uno dei dieci luoghi simbolo della Regione Campania e il nostro obiettivo è favorirne la rinascita Mauro De Riso sociale, ideologica, urbanistica, economica e culturale - ha proseguito il governatore -. Qui ce il golfo più bello dell'intera Regione e intendiamo valorizzarlo per creare opportunità turistiche e lavorative e mettere in moto l'economia del territorio. Ho avuto modo di verificare l'impegno costante degli operai nel cantiere all'interno della villa comunale e credo che quel tratto di lungomare rappresenti un unicum in ambito nazionale. La spiaggia andrà recuperata veicolando altrove gli scoli, ma daremo impulso anche a questo percorso. Un altro nostro compito fondamentale consiste nel trovare una soluzione lavorativa per gli oltre 100 termali in cerca di sbocchi occupazionali dopo il fallimento delle Nuove Tenne. Il rilancio del comparto termale avverrà in sinergia con l'Ente comunale, perché lavorando insieme potremo raggiungere importanti traguardi. Intanto abbiamo ripristinato la Funivia del Fatto, tornata in funzione nello scorso mese di maggio e attualmente in stand by per i lavori di riqualificazione finalizzati alla riapertura in primavera. Dal 24 al 28 maggio, in occasione del progetto "Cantieri Viviani", intendiamo riaprire anche la stazione Castellammare Terme, un progetto possibile grazie all'opera di risanamento dell'Eav che abbiamo messo in atto di recente. Ai ragazzi mi piace ricordare che la vera modernità non consiste nella tecnologia, bensì nell'umanità. Questa esperienza ha concluso De Luca - può rappresentare un momento ideale di alienazione dalla tecnologia per lasciare spazio alle relazioni umane in una città che non è come le altre, ma rappresenta una perla della Campania e dell'Italia intera». Il presidente della Regione Campania, prima di incontrare il pubblico e la stampa al teatro Karol, ha effettuato un sopralluogo presso il Parco delle Antiche Tenne in compagnia del sindaco Antonio Pannullo, dell'assessore regionale al Lavoro Sonia Palmieri e del consigliere regionale Alfonso Longobardi per incontrare i lavoratori termali. «Stiamo affrontando insieme il grande tema del rilancio delle Antiche Tenne di Stabia - ha spiegato Longobardi -. Il Comune ha ormai definito ¡I nuovo piano industriale e con l'amministrazione regionale nei prossimi giorni si verifìcherà a Roma quale migliore soluzione-ponte potrà consentire ai lavoratori di non perdere gli ammortizzatori sociali finora erogati e nelle more che venga definito il bando per l'assegnazione delle sorgenti "Chiusa ex Vanacore" e della gestione del Parco idropinico. Sono particolarmente soddisfatto di questo nuovo incontro perché stiamo definendo il modo migliore per sostenere i lavoratori e al tempo stesso definire la nuova programmazione delle attività idropiniche e termali».

Punto Stabia News

Punto Stabia News è un giornale online che si occupa del territorio tra Castellammare, i Lattari e la Penisola Sorrentina. 

CONTATTACI: 

redazione@puntostabianews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178